lunedì 8 dicembre 2014

Alla sorgente dei modi di dire del popolo palermitano


Alla sorgente dei modi di dire del popolo palermitano              di Ugo Arioti

 


In questi giorni di festa, dedicati alla novena della Madonna Immacolata (la Sicilia e terra Mariana), il popolo siciliano tira fuori il suo animo ospitale e fatalista, accogliente con gli amici e i più deboli e indifesi, aspro e duro con i vigliacchi e l’arroganza dei potenti! La festa fa riemergere l’antica fierezza della mia Gente che non ha mai avuto timore al cospetto con chi tiene lo scettro del Comando. Questo mi fa tornare in mente i sonetti e i versi scanzonati di un poeta palermitano del seicento entrato nell’immaginario del popolo siciliano col nome di Petru Fudduni. Petru, che di mestiere era un “taglia pietre”, mestiere piuttosto duro e povero, aveva un cuore e un anima sensibile, soprattutto per la miseria umana,  le sue poesie sono perle di ritmo e sentimenti. Petru, però, è più noto come improvvisatore di rime fulminanti, ragion per cui molti lo ricordano per le sfide che lanciava, ad ogni piè sospinto, a chi lo interrogava o a chi voleva elergirgli una elemosina, a tal proposito notissima è la risposta che diede al servo della Principessa di Trabia, sua fans segreta, che vedendolo passare sotto il suo balcone con una nuvola di capelli, spettinato e in disordine, gli volle mandare dei quattrini perché potesse andare da un barbiere e rimettersi in ordine, era un uomo rude ma fascinoso il nostro Fudduni, ma sentite che rispose ripassando sotto il balcone della Principessa: “ Curriti tutti mastri pittinari/ curriti tutti pi pittinari a mia/ e s’un aviti corna di sirrari/ sirraticcilli o Principi i Trabia!” (Correte maestri pettinatori, correte tutti per pettinare a me/ e se non trovate corna (i pettini allora erano fatti di corna) da segare/ segate quelle del Principe di Trabia (consorte anziano e decrepito della Principessa). Certo questo suo modo di essere gli procurò molti guai, diciamo così, con la giustizia del tempo e queste risposte a tamburo battente che lasciano di ghiaccio l'ascoltatore sono scolpite nella memoria tramandata del popolo siciliano, sono come una password che da accesso al database Panormus! Ma, il nostro, che le cantava ai Nobili e ai Potenti dell’epoca era anche, ante litteram, un studioso dei mali sociali e nei suoi componimenti trattava spesso temi come la miseria e le difficoltà del popolino, dei lavoratori e dei poveri. Secondo me avrebbe accolto con rime gioiose l’attuale nostro papa! Le sue poesie e dispute a suon di versi sono talmente radicati nell’animo palermitano da poterli chiamare “proverbi popolari”, modi di dire!

Quindi, parlando di domande e risposte letali, eccovi una piccola vetrina di “delizie”!

DUMANNA (Domanda del figlio “studiato”!):

Tu si' lu Petru di tutti li petri, 
ca fai li petri longhi, tunni e quatri; 
chi nni fai di li grana di sti petri, 
ca si' arriduttu comu spinna-quatri
(spinna-quatri=morto di fame)?

RISPOSTA DI PETRU:
Eu su ' lu Petru di tutti li petri, 
e fazzu petri longhi, tunni e quatri; 
li dinari chi vuscu di li petri 
mi li manciù cu dda troia di to matri.

DUMANNA (di uno che si sentiva scaltro e invece era un fannullone (passuluni)!):

La sapienza di Petru Fudduni 
canusci un porcu mezzu li 'addini
(‘addini=galline)?

RISPOSTA:

La sapienza di Petru Fudduni 
canusci un porcu mezzu li 'addini; 
puru canusci a tia, gran passaluni, 
ca nun ti sai dari un pezzu di pani.

Quindi,  parlando di domande e risposte,mi piace infilare quella che Petru diede al sommo dotto dell’epoca: il Dotto Tripi, che per sua disgrazia, firma anche la domanda!

NNIMINO ( Indovinello)
Rispunni: cui filau la prima stuppa? 
Cui fu ca maniau la prima zappa? 
Cui fu ca sprimintau la prima suppa? 
E chi cos'è ca cu lu tempu arrappa? 
Cui fici la galea senza puppa? 
Lu pisci ch'intra di la riti 'ncappa? 
Quannu, pueta, mi sciogghi sti gruppa, 
Ti poi chiamari pueta di cappa.
Lu dottu di Tripi

Èva fu ca filau la prima stuppa, 
Adamu maniau la prima zappa, 
Noè la sprimintau la prima suppa, 
E l'omu è chiddu ca 'nvicchiannu arrappa; 
La donna è la galea senza puppa, 
L'omu è lu pisci chi 'ntra riti 'ncappa; 
Su' pueta, e su' scioti li to' gruppa, 
lu già sugnu pueta, e tu sì rappa.
Petru Fudduni

Questo indovinello, trabocchetto, lo traduco per miglior comprensione!

INDOVINELLO

Rispondi: chi filò la prima lana?
chi maneggiò la prima zappa?
chi fu che sperimentò la prima zuppa?
e qual'è la cosa che il tempo raggrinza?
Chi fece una galea senza poppa?
qual'è il pesce che dentro la rete incappa?
Quando poeta, mi sciogli questi nodi,
ti puoi chiamare poeta di cappa.
(firmato) Il dotto di Tripi

RISPOSTA DI PETRU FUDDUNI al Dotto di Tripi:

Eva fu che filò la prima lana,
Adamo maneggiò la prima zappa,
Noè sperimento la prima zuppa,
e l'uomo è colui che invecchiando raggrinzisce:
La donna è la galea senza poppa,
l'uomo è il pesce che nella rete incappa;
Io già sono poeta e tu uomo di nessun conto,
firmato:Petru Fudduni

 

3 commenti:

  1. Petru Fudduni pri ddù chianu chianu,

    girannu cu ‘na bozza picciridda,

    jìa banniannu cu li gotti ‘n manu:

    "Acqua cu lu zammù, chi l’àju fridda!"

    Jeu, quannu vitti lu me’ paisanu,

    l’abbrazzai, lu vasai ‘ntra na mascidda;

    iddu mi detti a biviri, e cuntenti,

    mi fici di li middi cumplimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Acqua e zammù jeu vinnu pri campari;

      tu, Meli, di li vati lu cchiù fini,

      dimmi sinceru cu’ ti lu fa fari

      jìri pi strati a vinniri luppini?

      Elimina
  2. CANZUNI DI PIRRIATURI (anonimo)

    Mi nni scinnu a lu travagghiu,

    lu travagghiu suttirraniu:

    bedda mia, tu sji lu raggiu

    di lu suli e arresti ‘n chianu.

    Iu la radica e m’internu

    p’arricogghiri l’umuri:

    tu sji l’arvulu supernu

    ca fa pompa di li ciuri.

    Iu surdatu a la trincera,

    la trincera dulurusa:

    tu c’arriri la bannera

    di la patria vitturiusa.

    Ni sta tomba ca mi ‘nchiuri,

    ca mi ‘nchiuri la balata:

    iu lu corpu ca si struri

    e tu sji l’anima sarvata.

    Ma la chiamu sorti unita,

    ummira e suli, jornu e notti:

    iu la morti di la vita,

    tu la vita di la morti.

    RispondiElimina