giovedì 7 maggio 2015

storielle d'appendice : Quando Tansichi presentò al circolo culturale "Panormus" il Ch.mo Prof. Panfilo Filibustelli


Callisto Tansichi, inondato dal soffio vorace dei condizionatori a palla e dal tintinnio delle sue idee, sedeva al centro del tavolo con il compito di moderare un importante dibattito tra uomini di Chiesa, teologi, e scienziati laici, cialtroni, sull'argomento del mese al circolo culturale “Panormus” in Piazza Casa Professa, proprio difronte alla scuola dell'Origlione dove il nostro buon segretario esercita il suo dettato professionale pro vitae. Come suo solito, presenta i relatori ad uno ad uno e li fa esporre senza troppi arzigogoli e presentazioni retoriche. Il primo a parlare e il Professor Panfilo Filibustelli, un tipo alto quanto largo e pieno di sapienza, una traboccante conoscenza, manco a dirlo fa parte della schiera dei cialtroni! Sconosciuto alla stragrande maggioranza dei presenti, 43 soci, due amici e quattordici parenti, una sporca sessantina, Filibustelli viene dal Sud del Mondo ed è docente e ricercatore di archeologia e antroposofia dell'Universo! Callisto lo presenta così: <Tra le grandi domande dell'uomo quella, che assume una rilevanza e un importanza strategica, è, da che Mondo è Mondo: da dove veniamo? Alcuni aggiungono, “chi siamo e dove andiamo, ma, senza una risposta al primo quesito, gli altri due enigmi restano al palo, senza possibile svolgimento se non nella mediocre parcellizzazione della regola Velocità = Tempo x Spazio. Questa è la ragione che ci spinge a valutare e studiare il problema del luogo prima del dove e perché. Così, mi trovo questa sera qui per presentare il Chiarissimo professor Panfilo Filibustelli Stercoraro del College di Forest Hookers, in Burghina Faso, che da oltre un ventennio studia l'annoso enigma delle nostre origini. Professore, non vorrei dilungarmi, ce ne sarebbe ben donde, sul suo curriculum, e non voglio togliere spazio alla sua dissertazione sull'argomento. Quindi, le passo la patata bollente del mistero delle nostre origini. A lei il microfono!>

Nessun commento:

Posta un commento