giovedì 11 giugno 2015

Piazza Politeama cambia aspetto e sarà il passante ferroviario a disegnare un nuovo asset dei trasporti urbani ...ma in sfregio ai cittadini


È rivolta dei cittadini dopo il taglio dei ficus di piazza Castelnuovo. Residenti, associazioni, attivisti sono pronti a procedere contro l’amministrazione comunale: “Ci sentiamo traditi – dice Gabriella Pucci, ambientalista del comitato dei cittadini per Palermo più verde e più pulita – Non ci sono altre parole. Abbiamo incontrato l’assessore comunale al Verde Francesco Raimondo soltanto qualche giorno fa e non si è mai parlato di questo scempio. Ma solo delle palme da spostare altrove. Siamo pronti a presentare un esposto”. Di tradimento parla anche il Wwf: “Mi rifaccio alla dichiarazione dell’assessore Raimondo che avrebbe fatto tutto il possibile per salvare le palme – dice Pietro Ciulla, presidente del Wwf Palermo. Ma in quel caso non si è fatto alcun accenno agli altri alberi della piazza. Si era parlato di palme e abbiamo preso atto che l’assessore si era impegnato per il salvataggio e il reimpianto. Adesso ci sentiamo traditi e in un vicolo cieco. Uno a cuor leggero non può dire di bloccare i lavori, anche perché un fermo del cantiere costa tantissimo e sappiamo che c’è gente che fa il tifo per bloccare i lavori per speculare. Ma al tempo stesso ci vuole una riunione chiarificatrice con l’assessore e con l’impresa. Il committente deve conoscere alla lettera il progetto. A meno che l’impresa fa delle cose non previste e sarebbe una cosa davvero grave”.

Nessun commento:

Posta un commento