venerdì 1 luglio 2016

Editoriale di luglio 2016

Editoriale di luglio 2016

Stiamo scivolando da trentanni verso il buco nero che inghiotte la democrazia e le garanzie sociali conquistate con il sangue, non è retorica, dai nostri nonni. Ogni giorno cade un mattoncino sotto i colpi di falsi democratici e pseudo governanti da operetta che sono al soldo delle Banche e che non hanno altro da pensare che tenersi attaccati alle poltrone di potere. Lo abbiamo detto e ridetto tante volte, inascoltati, in Italia c’è stato un Golpe bianco: un mai eletto ha preso le redini del Governo, con la complicità di un parlamento delegittimato e di un Presidente della Repubblica abusivo e fuori da ogni regola costituzionale. Cosa e dove, i nostri figli, potranno sperare, se non siamo più capaci di contrastare l’oscurità che ci sta divorando? L’economia reale non esiste più. I burattinai della finanza ormai sono solo speculatori che giocano al massacro e i fantocci partitocratici li spalleggiano e ne vengono, per questa azione di supporto, foraggiati e aiutati nelle loro “carriere politiche”. La classe governativa autoreferenziale è lontana anni luce dal Paese reale. Dalle Grandi Opere ( penso alla TAV) alle piccole cose come l’etichettazione e la protezione dei prodotti tipici hanno svenduto l’Italia e la sua economia ai burosauri di Bruxelles. Hanno distrutto la scuola pubblica riducendola ad una cenerentola che non forma, ma che deforma. Svaligiato la Sanità, depredato il Welfare e incentivato le Banche a rubare case e averi ai suoi stessi correntisti, ingannandoli (Truffa di Stato e Trattativa Stato Mafia). Hanno usato le Mafie e la Corruzione e il clientelismo per devastare un apparato pubblico amministrativo che oggi vive del paradosso e del paradigma del dentro tutti, senza qualificare e formare una nuova classe di funzionari. Bisogna reagire e riconquistare il ruolo centrale che ogni POPOLO SOVRANO ha in una Democrazia compiuta e non subordinata al Potere della Finanza Speculativa.

Ugo Arioti  

Nessun commento:

Posta un commento