lunedì 21 marzo 2016

Un giorno nuovo tra Usa e Cuba


Obama: "Un giorno nuovo tra Usa e Cuba". Castro "Restano profonde differenze. Revoca totale dell'embargo"

 


È il loro terzo incontro dalla ripresa delle relazioni diplomatiche nel 2014, il primo sul suolo cubano. Il presidente Usa rende omaggio con una corona di fiori al monumento di José Martí, eroe nazionale cubano. Google pronta a estendere rete wi-fi e banda larga sull'isola
L'AVANA - Malgrado gli sforzi di Barack Obama e della sua amministrazione "serve la revoca totale dell' embargo Usa" su cui l'ultima parola spetta al Congresso. Così il presidente cubano Raul Castro nella conferenza stampa congiunta con Barack Obama a Cuba, cui ha riconosciuti gli sforzi compiuti per riavvicinare i due Stati. Per Castro è "essenziale revocare l'embargo perchè ha effetti intimidatori". Obama, che ha raggiunto il leader cubano al Palazzo della Rivoluzione all'Avana nel quadro del processo di normalizzazione trai due Paesi, ha subito replicato: "L'eliminazione totale dell'embargo dipende dal Congresso".  "La tempistica" della revoca dell'embargo a Cuba da parte del Congresso, ha spiegato, "dipende dal superamento delle divergenze tra noi e Cuba sui diritti umani. Non so quando, ma l'embargo finirà".

"Un nuovo giorno tra Usa e Cuba". "Questo è un giorno nuovo tra Usa e Cuba", ha detto il presidente Usa. "Non guardiamo al passato - ha aggiunto - ma andiamo avanti".
È il loro terzo incontro dalla ripresa delle relazioni diplomatiche nel 2014, il primo sull'isola. Dopo quasi novant'anni, un presidente americano è tornato a Cuba.

Nessun commento:

Posta un commento