mercoledì 8 marzo 2017

la notizia del LOTTO MARZO : ''Licenziata perché ho chiesto un contratto''


"Lotto Marzo", la denuncia della fisioterapista: ''Licenziata perché ho chiesto un contratto''

A Roma, di fronte alla sede della Regione Lazio, si tiene una delle manifestazioni per lo sciopero in occasione della Festa delle Donne. Al presidio partecipano, tra le altre, anche le lavoratrici dell'Istituto Riabilitativo Villa Delle Querce di Nemi. Una di loro racconta la sua storia: "Per 19 anni ho fatto la fisioterapista nella struttura avendo una finta partita Iva. Avevo tutti i doveri del dipendente, ma senza alcun diritto. In gravidanza ho lavorato fino all'ottavo mese in mezzo alle onde elettromagnetiche". A seguito anche di un decreto della regione Lazio (con cui la struttura è convenzionata), a febbraio la donna e altre due colleghe chiedono la stabilizzazione, ma in risposta il loro rapporto di lavoro viene interrotto. "In una lettera ci è stato scritto che avremmo dovuto dichiarare prima la volontà di essere stabilizzate, come se la colpa del licenziamento fosse nostra - prosegue la fisioterapista - ma noi mille volte abbiamo chiesto un incontro con il proprietario dell'azienda senza mai essere ricevute". In piazza sono presenti anche diverse altre lavoratrici di Villa Nemi, che denunciano come i vertici dell'istituto abbiano ostacolato la partecipazione delle dipendenti allo sciopero, cambiando i turni o cancellando i riposi

Nessun commento:

Posta un commento