venerdì 2 gennaio 2015

Buon 2015 a tutti


Cari amici, siamo arrivati al quarto anno di attività del nostro blog della scuola di ecologia culturale. Siamo lieti di aver sfondato in tre anni il muro dei 51000 visitatori, cosa che per noi, artigiani del blog e non professionisti, rappresenta un grande risultato. Ci seguite anche attraverso i social network e soprattutto nel gruppo e nella pagina che quest'anno abbiamo realizzato della scuola di ecologia culturale euro mediterranea! Grazie!
Siamo una piccola voce nel coro, ma cerchiamo di esserci e di rappresentare la società italiana e mondiale per quello che è e non per quello che i Midia più potenti e più diffusi vogliono raccontarci. ECOLOGIA CULTURALE è un progetto che realizza punti di contatto tra diversi sistemi e professioni di fede e di pensiero. Il nostro motto resta sempre quello: " Troviamo quello che ci unisce e realizzeremo un Mondo di Uomini liberi, capaci di esprimersi al meglio delle loro potenzialità"!
Ecco perché, anche quest'anno, in perfetta unità abbiamo scelto un tema che è utile a questo tipo di ricerca. Il tema di quest'anno, diversamente dagli argomenti sin qui intrapresi dal 2012 è quello delle REGOLE DI CONVIVENZA SOCIALE. Certamente arduo, ma in questo momento delicato e di trapasso da una società capitalistica basata sull'economia della PRODUZIONE ad un sistema di capitalismo FINANZIARIO che elimina la classe media e sviluppa veri e propri POTENTATI basati sull'informazione direzionale della FINANZA FORTE, riteniamo siano da ricostruire le griglie della protezione sociale e dello sviluppo equilibrato.
I capitali immensi, accumulati dalle multinazionali, ora sono destinati a bruciare il tessuto economico produttivo reale sull'altare di un gioco FINANZIARIO che passerà sulle nostre teste e sul territorio creando MISERIA e devastazione. Noi ne vogliamo parlare e ne parleremo sino a quando ci sarà concesso con lo stesso fervore e la stessa passione di sempre, tenendo sempre alta la bandiera dell'ECOLOGIA CULTURALE.
 
Ugo Arioti e Daniela La Brocca

Nessun commento:

Posta un commento