giovedì 13 febbraio 2014

Italia leader del bio in Europa: un miliardo di export, tre di giro d'affari


Italia leader del bio in Europa: un miliardo di export, tre di giro d'affari

 
I consumi alimentari scendono del 3,7% ma gli alimenti senza pesticidi salgono del 9%. Apre la più importante fiera mondiale del settore: 400 espositori italiani al Biofach di Norimberga. 1,2 milioni di pasti bio nelle mense delle scuole
di ANTONIO CIANCIULLO
IL MERCATO dell’alimentare cala, il bio sale a razzo. Secondo una ricerca elaborata da Aiab (Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica) sulla base di indagini della Fondazione Italiana per la Ricerca in Agricoltura Biologica e Biodinamica e su rilevazioni Ismea Gfk-Eurisko, in Italia nel primo semestre 2013 c’è stata una diminuzione del 3,7% dei consumi alimentari convenzionali, ma la crescita del biologico ha sfiorato il 9%.
I record ormai consolidati del settore (50 mila operatori, 1,2 milioni di ettari coltivati, 3 miliardi di euro di giro d’affari), si stanno inoltre trasformando in una forte spinta per l’export: l’Italia ha conquistato la leadership in Europa per le esportazioni di prodotti biologici (valgono oltre un miliardo di euro). "Si tratta di numeri che evidenziano da parte dei consumatori un forte aumento di interesse, di informazione, di attenzione e quindi di domanda", commenta Vincenzo Vizioli, presidente di Aiab. "E’ un’opportunità che va sfruttata fino in fondo perché apre scenari di sviluppo per il nostro sistema agroalimentare e per l’insieme del made in Italy: il bio non è solo alimentazione ma anche cultura, territorio, innovazione, sostenibilità, etica".
Significativa la crescita del consumo di alimenti biologici nelle scuole italiane: secondo una recente ricerca Nomisma/Pentapolis, le mense sostenibili sono aumentate, in cinque anni, del 50%, con quasi 1,2 milioni di pasti bio consumati annualmente. Con questi numeri l’Italia si presenta in buona posizione alla più importante fiera mondiale del biologico, il Biofach di Norimberga (12-15 febbraio), a cui quest’anno parteciperanno 2.400 espositori e 40.000 operatori: l’appuntamento può essere l’occasione per consolidare il nostro primato. Dall’Italia arriveranno 400 espositori per cercare di ampliare un mercato che già oggi vede la Germania come principale acquirente dei nostri prodotti: soprattutto ortofrutta, sia fresca che trasformata, seguita da vino (quello biologico ha avuto una forte crescita negli ultimi anni), olio e altri prodotti dal forte carattere made in Italy, come la pasta.

Nessun commento:

Posta un commento