domenica 1 gennaio 2017

EDITORIALE n°1 del 2017

La pace è rotta. Questo potrebbe essere un titolo di romanzo, invece è la Storia contemporanea, quella che stiamo attraversando con i nostri occhi pieni di cinismo e di odio per i diversi, di rancore e di razzismo, di fascismo camuffato da democrazia e di GUERRA. La Terza guerra mondiale è la forma più assurda di battaglia dove i soldati non si proteggono per colpire l'avversario e, se muoiono, è per una manovra militare errata o azzardata o per l'abilità dell'altro, no. Questa guerra è combattuta da gente senza scrupoli o sentimenti umani. I militi di questo conflitto sono drogati al punto dal non aver cura della loro stessa vita. Si fanno esplodere in un luogo pieno di gente e portano lo scontro dentro i supermercati, i teatri, le discoteche, le passeggiate....nei luoghi dove possono scatenare la paura, i luoghi della vita sociale dell'Occidente e, ormai, di tutti i continenti. L'anno nasce col fragore degli attentati in Iraq e in Turchia (più di cento morti e migliaia di feriti). Viene fuori una teoria di cellule protette e di lupi solitari che possono colpire dovunque. Vogliono trasformare il Mondo in un unico campo di battaglia. Sono figli dell'Occidente grasso che li ha coltivati per i propri interessi imperialistici e che ora li combatte perchè la malattia sta producendo un cancro più grande dell'ombrello speculativo che li ha partoriti. Quindi, godono ancora di una rete di fiancheggiatori e di operatori del Male che è tutta dentro l'Impero Americano, ormai al declino. L'Europa, vecchia e corrotta, è incapace di esprimere la sua voce contro questi venditori di morte, si sta sgretolando ancora. la Russia, occupa gli spazi lasciati dalle bolle imperialistiche scoppiate, si riappropria della Crimea, della Siria e del controllo dell'Asia centrale e la Cina resta a guardare, e mentre il Capitalismo Americano ed Ebreo non fanno fronte comune e litigano, lei compra i pezzi delle multinazionali imperialistiche che cadono sul percorso della nuova grande crisi, quella della Finanza speculativa e devastante che soffoca l'economia reale e va sotto il falso, ammiccante nome di ECONOMIA GLOBALE (meglio sarebbe dire: FURTO DI DEMOCRAZIA E DI DIGNITA' DEI POPOLI GLOBALE).
Belle premesse! E noi italiani che votiamo contro un Governo e ce lo ritroviamo fotocopiato e identico all'alba di una frana paurosa che ha spazzato via tutte le sue RIFORME INUTILI e le sue mance. Non siamo messi bene. Così si apre un anno che speriamo sia di Vittoria contro la PAURA e contro chi semina senza alcuna giustificazione religiosa, perchè non ce ne sono per gli assassini e i delinquenti, per i tagliagola e i mafiosi, per quelli che fanno i caporali e per quelli che rubano i soldi ai loro stessi operai e per quelli che vendono agli ingenui e ai bambini  droghe mortali...
Auguri a tutta l'umanità e buon 2017
Ugo Arioti e Daniela la Brocca

Nessun commento:

Posta un commento